Figure. Ars e ratio nel progetto di architettura

Figure. Ars e ratio nel progetto di architettura

di Riccardo Gulli

Quattro amici, in un dato luogo, in un determinato tempo, discutono intorno al tema della trasmissione delle conoscenze nel campo della teoria e della pratica dell'architettura, seguendo il dedalo dei percorsi che si dipanano dentro quello spazio neutro dove coesistono il mondo delle immagini e il mondo dei concetti, l'Ars e la Ratio. La formula narrativa viene pertanto insignita di una duplice valenza: da un lato è l'espediente che consente di veicolare il trasferimento dei saperi mediante il modello didattico basato sul confronto dialettico; dall'altro rappresenta la metafora del processo conoscitivo che governa l'azione progettuale. Le figure sono il viatico di questo processo e il presupposto su cui prende forma un approccio alternativo ad una teoria del progetto.

Nella giornata della memoria, è bene tenere presente alcuni fatti che stanno succedendo attorno a noi e della gravità dei quali, forse, non riusciamo a rendercene conto appieno. Nella giornata della memoria, è bene tenere presente alcuni fatti che stanno succedendo attorno a noi e della gravità dei quali, forse, non riusciamo a rendercene conto appieno. ma dove sono i filosofi italiani oggi. operaio Lavoratore subordinato che esplica mansioni prevalentemente manuali, diverse a seconda delle varie specializzazioni e della preparazione tecnico-pratica, per il corrispettivo di una retribuzione detta comunemente salario; è in genere distinto dall’impiegato, di cui si considera come caratteristica la. di Giorgio Langella. sito internet de la voce di fiore, testata giornalistica mensile. 13): 'Un codex è composto da molti libri; un libro è composto da uno scrollo. Dal nome della contea d'Angiò (Anjou), istituita nel sec. In questa sezione sono pubblicati e liberamente consultabili numerosi appunti di corsi universitari, riassunti di libri usati per superare gli … Nel V secolo, Isidoro di Siviglia spiegò l'allora corrente relazione tra codex, libro e rotolo nella sua opera Etymologiae (VI. In questa sezione sono pubblicati e liberamente consultabili numerosi appunti di corsi universitari, riassunti di libri usati per superare gli …. 9° come avamposto contro i Bretoni, sono stati detti Angioini alcuni dei membri delle dinastie, locali e no, che si sono avvicendate nel governo di essa. In questa sezione sono pubblicati e liberamente consultabili numerosi appunti di corsi universitari, riassunti di libri usati per superare gli … Nel V secolo, Isidoro di Siviglia spiegò l'allora corrente relazione tra codex, libro e rotolo nella sua opera Etymologiae (VI. 13): 'Un codex è composto da molti libri; un libro è composto da uno scrollo. 13): 'Un codex è composto da molti libri; un libro è composto da uno scrollo. I due libri di Preludi e Fughe che portano il titolo di Clavicembalo ben temperato risalgono a due diversi periodi della vita e dell'attività di Bach: il I libro fu completato nel 1722 durante il periodo di Köthen, come precisa l'autografo conservato nella Deutsche Staatsbibliothek di Berlino, mentre il II libro venne compilato tra il 1740 e. poco coraggiosi a servirsi della propria intelligenza e a pensare bene 'dio', 'io' e 'l’italia', chi piÙ chi meno, tutti vivono dentro la piÙ grande bolla speculativa della storia filosofica e politica italiana, nel regno di 'forza. ma dove sono i filosofi italiani oggi.

di Giorgio Langella. I due libri di Preludi e Fughe che portano il titolo di Clavicembalo ben temperato risalgono a due diversi periodi della vita e dell'attività di Bach: il I libro fu completato nel 1722 durante il periodo di Köthen, come precisa l'autografo conservato nella Deutsche Staatsbibliothek di Berlino, mentre il II libro venne compilato tra il 1740 e. I due libri di Preludi e Fughe che portano il titolo di Clavicembalo ben temperato risalgono a due diversi periodi della vita e dell'attività di Bach: il I libro fu completato nel 1722 durante il periodo di Köthen, come precisa l'autografo conservato nella Deutsche Staatsbibliothek di Berlino, mentre il II libro venne compilato tra il 1740 e.

9° come avamposto contro i Bretoni, sono stati detti Angioini alcuni dei membri delle dinastie, locali e no, che si sono avvicendate nel governo di essa. poco coraggiosi a servirsi della propria intelligenza e a pensare bene 'dio', 'io' e 'l’italia', chi piÙ chi meno, tutti vivono dentro la piÙ grande bolla speculativa della storia filosofica e politica italiana, nel regno di 'forza.