Ventiquattro tamponamenti prima di andare in ufficio

Ventiquattro tamponamenti prima di andare in ufficio

di Giorgio Linguaglossa

Cianfax amava Crazy e Crazy amava Cianfax. In due erano di troppo. L'uno non sapeva dell'altra nulla di più di quanto non sapesse di sé e l'altra non sapeva dell'altro nulla di più di quanto non sapesse di sé: ovvero, un bel nulla. Così, un bel giorno, Cianfax la vide, in mezzo ai suoi capelli ricci, spettinati e disordinati come la sua esistenza, senza capo né coda, senza inizio né fine, senza finalità, senza progettualità e senza caos. Cianfax la vide e l'abbracciò perché vide in lei il proprio io riflesso. Cianfax amava se stesso e la propria esistenza disordinata e, nel suo progetto esistenziale, credeva fermamente che le grandi costruzioni erano quelle che facciamo per gabbare il nulla...

(M. b. a. a. i. a.

S. d. (M. a. i. a. i. a.

a.

a. i. a. vedi associazione internazionale di diritto delle assicurazioni. vedi associazione italiana brokers di assicurazione e riassicurazione. ) - Nel cortile del Castello nel corso della Notte Rosa, ad attirare un gran numero di persone verso il suo stand, il giovane imprenditore abbiatense Mattia Vita. d. S.